Sciare a La Chapelle-d’Abondance

In alta Savoia, La Chapelle-d’Abondance è una località francese che si trova alle porte di uno dei comprensori sciistici più grandi del mondo, Les Portes Du Soleil. Il carosello spicca per importanza da oltre 40 anni, con 12 resort collegati tra loro sul confine franco-svizzero, a solo un’ora da Ginevra. La Chapelle-d’Abondance fa parte de Les Portes Du Soleil insieme ad Abondance, Avoriaz, Châtel, Les Gets, Montriond, Morzine-Avoriaz, St Jean d’Aulps, Champéry, Morgins, Torgon, Val-d’Illiez – Les Crosets – Champoussin.

Qui ci sono ben 285 piste, di cui 32 nere, 100 rosse, 122 blu e 31 verdi, con ben 196 impianti e 400 chilometri quadrati di superficie. In più ci sono 11 snowpark attrezzati anche per il boarder-cross e lo ski-cross. Ben 90 ristoranti a fianco delle piste completano l’offerta, per abbinare il piacere della sciata in queste splendide zone nel cuore delle Alpi all’eccellente gastronomia della Francia e della Svizzera. Les Portes du Soleil è tanto esteso da essere sovente definito “ski safari“: basta mettere gli sci ai piedi dal proprio hotel o chalet e partire per l’esplorazione di valle in valle e di resort in resort, addirittura cambiando stato. La media delle nevicate è altissima, con 7 metri e 83 centimetri di neve ogni anno, per una stagione che va da metà novembre fino alla fine di aprile. I panorami sono tanti vari quanto è vasto il carosello, dalle foreste coi rami coperti neve ad appassionanti “muri” ricchi di gobbe, passando per incantevoli pianori e chalet che, rinnovati, testimoniano la lunga storia di questi luoghi nel panorama sciistico mondiale. A La Chapelle-d’Abondance è possibile infine sciare anche su un’area sciabile un po’ più piccola sotto il Mont de Grange e dedicata soprattutto agli sciatori meno esperti, ma l’offerta di piste è tanto ricca che ce n’è veramente per tutti i gusti. In più, ci sono ben 214 chilometri di tracciati per lo sci nordico e 800 chilometri di sentieri escursionistici per godere di questi paesaggi a un ritmo meno forsennato.

Nessun Commento

Lascia un commento