Milano – Cortina e le Olimpiadi Invernali 2026

24

La scorsa settimana il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) si è pronunciato e ha deciso che le Olimpiadi invernali del 2026 si terranno in Italia.
L’Italia ha quindi ottenuto la possibilità di organizzare in prima persona le Olimpiadi perché la candidatura congiunta di Milano e Cortina d’Ampezzo è stata ritenuta migliore rispetto a quella svedese delle città di Stoccolma e Are.
Le candidature svedese ed italiana erano in realtà le uniche rimaste, ma all’inizio si erano mostrate interessate alle Olimpiadi anche il Canada con Calgary, la Turchia con Erzurum, il Giappone con Sapporo, l’Austria con Graz e la Svizzera con Sion.
Le Olimpiadi invernali del 2026 coinvolgeranno anche altre aree sciistiche di Lombardia e Veneto, oltre che le province autonome di Trento e Bolzano.

Tempi e costi organizzativi

Al momento si leggono solo stime e previsioni, con cifre anche molto distanti tra loro, ma il dossier italiano parla di circa 1,3 miliardi di euro di spesa per le Olimpiadi, di cui 900 milioni provenienti dal CIO.
Come sottolineato da Il Sole 24 Ore, a questi soldi «si aggiungono altri 340 milioni da investire per opere infrastrutturali e strade di collegamento», mentre «dai biglietti sono stimati ricavi per 234 milioni di euro».
Sky Sport sostiene invece che «l’ipotesi è quella di vendere 2 milioni e 490.462 biglietti per una capacità di 410mila 708 posti per 293 sessioni» e che «si calcola che le ricadute economiche sul territorio possano arrivare complessivamente a 5 miliardi e 600 milioni di euro».

Discipline e medaglie

Ci saranno Le discipline saranno 15 ed è prevista l’assegnazione di 95 medaglie.
A Milano si terranno le gare di hockey, pattinaggio artistico e alcune gare di pattinaggio in linea (short track).
In Valtellina si organizzeranno le gare di sci maschile, a Livigno le gare di snowboard, in Val di Fiemme lo sci di fondo, a Predazzo le gare di salto con gli sci. A Cortina d’Ampezzo ci saranno le gare di curling, sci femminile, bob, skeleton e slittino
Il biahtlon si svolgerà invece ad Anterselva, nella provincia autonoma di Bolzano. Nella provincia autonoma di Trento, invece, per la precisione a Baselga di Piné, Tesero e Predazzo, verranno organizzate le gare di pattinaggio di velocità, sci di fondo e salto con gli sci.

Le Olimpiadi italiane del 2026 si terranno tra il 6 e il 22 febbraio 2026.