Il museo di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio

37

L’iceman dell Museo archeologico di Bolzano si chiama Ötzi ed è l’uomo venuto dal ghiaccio, una delle mummie più antiche al mondo, dato che si stima abbia circa 5.300 anni.
Colto all’improvviso dalla morte, il pastore è rimasto conservato nel ghiaccio con tutto il suo abbigliamento e con numerosi attrezzi finché non è stato ritrovato, nel 1991, da escursionisti nei pressi del Giogo di Tisa. Il corpo della mummia del ghiacciaio non è stato per nulla modificato da riti funerari o altri interventi umani: un fatto molto raro nello studio delle mummie che rende l’uomo del Similaun unico.
Ötzi è una mummia dell’Età del rame che si è conservata fino a oggi grazie a circostanze straordinarie. È stata scoperta casualmente da due alpinisti nel 1991 sul ghiacciaio della Val Senales, con tutti i suoi indumenti e l’equipaggiamento, e da allora viene studiata.
La mummia viene conservata in una cella frigorifera appositamente progettata ed è visibile attraverso una piccola apertura. I numerosi oggetti dell’equipaggiamento e i capi di vestiario sono stati accuratamente restaurati e rendono l’idea di che cosa possedeva quell’antico uomo.
L’esposizione permanente del Museo Archeologico dell’Alto Adige è interamente dedicata a Ötzi, l’Uomo venuto dal ghiaccio, si sviluppa su tre piani e racconta non solo il ritrovamento della mummia, ma ricostruiscono l’ambiente e la vita al tempo.

Al Museo archeologico di Bolzano con i bambini

Grazie alla Ötzi App, anche i più piccoli si divertono un mondo al museo archeologico. Al prezzo di 2,99 Euro, l’archeologia si può toccare con mano.
A luglio e agosto, bambini e genitori possono ristorarsi, leggere e divertirsi nello “spazio famiglia”. I genitori che desiderano visitare il museo da soli possono affidare i figli al personale competente della struttura. Il servizio è gratuito.

Museo Archeologico dell’Alto Adige
www.iceman.it
Ingresso: martedì – domenica: ore 10.00 – 18.00
In luglio, agosto e dicembre il museo rimane aperto anche il lunedì